Animae silvae

Non abbiamo nulla da invidiare ai boschi inglesi e irlandesi. I nostri sono altrettanto ricchi di creature magiche. Basta lasciarli crescere in pace. I boschi e le creature.

Io e la mia amica silvana, che si chiama davvero Silvana, siamo state ieri in questo strano bosco nato all’interno di una grande città. Cresciuto indisturbato fino a ora. In pochi se ne sono accorti. Tra palazzi, via Emilia e stazione c’è un bosco. Si presenta così:

20181116_140624

Idilliaco… Ma il pioppo nero ci avverte. Stiamo per entrare in un ambiente che non è nostro. Simbolo di morte e rigenerazione, quest’albero all’interno è presente in grandi quantità. Siamo già passati alla parte oscura dell’anno, dopo Samhain, Ognissanti o che dir si voglia, è il tempo dei morti e delle fate, che se si va a vedere altro non sono che spiriti di morti. Appena insinuateci tra i cartelli di divieto e le reti di contenzione, abbiamo un altro avvertimento:

20181116_140859

Sullo sfondo di un hangar semidistrutto che mi piacerebbe tanto trasformare in serra, un tronco ci sbarra la strada. La serra, avverte, fattela a casa tua. Qui ci siamo noi.

Noi chi?

Mah. La luce del meriggio nuvoloso è strana e rende più vivi i colori autunnali.

20181116_1409211.jpg

A un tratto, lungo il sentiero infangato dalle recenti piogge, una piantina.

20181116_141502

Ce ne sono moltissime. Solanum nigrum. Belladonna nera è uno dei suoi tanti nomi.

20181116_141932.jpg

Pianta presente in tante specie diverse in tutto il mondo, è sempre stata usata come medicina, ma attenzione. Come la vera belladonna, può uccidere.

Ma quel che ci si presenta davanti invita a proseguire. Queste fate ci danno segnali contrastanti….

20181116_142332

Forse questa è la vera porta… di sicuro lo sembra. All’interno, nel prosieguo del sentiero, e diciamo la verità anche uscendone, vediamo un tipico segno della presenza di fate.

biancospino.jpg

Bacche di biancospino. Il biancospino, come altre specie di rovo, è qui molto presente, ma è ben riconoscibile perchè ha queste bacche rosse, in autunno. Lo si riconosce soprattutto quando è in fiore, in primavera, e ci sono tante leggende che mettono in guardia dall’addormentarsi sotto uno di questi cespugli o alberi. A più d’un incauto è capitato di trovarsi di colpo, al risveglio o anche invitato da una fata comparsagli accanto, in un mondo completamente diverso, quello delle fate appunto, indubbiamente bello e affascinante, ma dove il tempo scorre in modo molto differente. I pochi che sono tornati, pensando di aver trascorso tra quelle amabili creature un giorno o un mese, si sono ritrovati più vecchi di molti anni.
La cosa interessante è che questa foto, in realtà, è tratta da internet.
Sul mio telefono, al posto di quella che avevo scattato io, c’era un rettangolo nero (!).
20181116_145427

L’ambiente, addentrandosi nel bosco, è più o meno questo. Un po’ di nebbia, a tratti, ci avvolge. Altre bacche colorano il sentiero, rose selvatiche e fusaggine.

20181116_154531-1
La fusaggine è quella che è servita per secoli agli artisti per disegnare in bianco e nero e delineare le prime forme delle loro splendide opere poi dipinte a olio: il carboncino. Ancora oggi viene usata nei licei artistici e anch’io ne ho una confezione in casa. I rametti di questa pianta dalle bellissime bacche bruciano lentamente e restano solidi e maneggevoli, permettendo un tratto rapido e ottime sfumature.

Ogni tanto un pioppo nero ci ricorda che la morte apparente della natura è vicina, per non parlare dei tanti sambuchi che ospitano spesso nei paesi nordici la signora Holle, che ama spesso assumerne direttamente la forma, e da cui nasce la figura della nostra Befana.

20181116_141114.jpg

Ecco un curioso alberello rosso. E’ una pianta dalle bacche coloranti, che non trovando niente da colorare ha colorato sè stessa-

20181116_145306

Alzando gli occhi mi appare poi l’immagine seguente, che a me, chi mi conosce anche tramite whattsapp  o perfino di persona lo sa, non può che ricordare Manhabozo, il dio trickster dei nativi americani, la Grande Lepre. E’ una folgorazione.
20181116_141534

Quando i missionari cristiani vollero evangelizzare quelle popolazioni, esse molto gentilmente dissero loro di non avere bisogno di Gesù, dacchè avevano già la Grande Lepre. Dio pasticcione, inattendibile ma simpatico, amava gli uomini e li aiutava quando gli altri dei volevano tener loro nascosto qualcosa. Raggirava gli dei ch’era una meraviglia e se la rideva.
Cosa ci vuole dire?

Proseguendo sul sentiero un po’ a casaccio, poichè non è più ben chiaro quale sia il sentiero, arriviamo ad una radura. Qui unirò un po’ di foto, vediamo se riesco a fare lo slideshow che fa figo.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

La radura.., beh, lo devo dire? Se è circolare, e se, soprattutto, è ricca di strani funghi, è il classico luogo  da “cerchio delle fate”, quello che si forma quando questi esseri danzano in tondo al chiaro di luna. L’ultima immagine mostra una cortina naturale che copre una cavità molto ampia, formata dalle radici di un albero dal tronco notevole. Anche una fatina a volte si stanca di danzare, e può aver piacere di chiacchierare comodamente con le altre creature, tutti seduti al riparo delle fronde.

Fa buio presto ora, e cercando di ritrovare l’uscita ci imbattiamo in una formazione molto singolare, su cui non ho commenti da fare.
20181116_160733[1]
Data questa sconcertante visione, il fatto che stia ritornando il sole è una cosa più bella del solito.
Sarà ancora per poco, sta per tramontare, ma intanto ci permette di ritrovare l’uscita.
Salutate le piante, gli animaletti che da tempo si sono insediati in questo luogo e le altre creature eventuali, usciamo. Ma prima un ultimo scatto di questo tramonto che ci regalano i Prati di Caprara, che un’amministrazione poco lungimirante ha da tempo deciso di distruggere per aggiungere cemento e mattoni ad una città che di tutto ha bisogno tranne che di questi.

20181116_160747[1]

 

 

 

Annunci

Non so che titolo mettere. Dopo tanto tempo e con l’idea che comunque qui non viene a leggere più nessuno e sto solo preparando un post da mettere su facebook… dopo quasi un anno posso dire che il mio scarso entusiasmo per le piattaforme social, o almeno per quella, è confermato, nonostante molte soddisfazioni, conoscenze e tutto.
Bisogna lavorarci veramente molto, e stando molto attenti, per avere buone amicizie e rapporti che abbiano senso. E’ come quel sogno che facevo da bambina dopo aver letto Alice, di camminare in un posto che era tutto buche, io dovevo stare sugli orli, erano buche separate tra loro da una sottile striscia di terreno. Mi mettevo anche a correre, cercando di non cadere, perchè qualcuno mi inseguiva. Non so chi fosse.

alberi e sole

Continua a leggere

Blodeuwedd

“Dalle carni di fiore” questo significa il nome.

Dal rosmarino alla canapa, come dal cedro all’issopo biblici, si può ricavare qualcosa di meraviglioso e inaspettato. Questa è l’ultima storia ( che racconto) delle dee primaverili perchè poi tra un po’ è estate e rinasco anch’io.  E’ talmente primaverile, costei, che è fatta di fiori. Però ha qualche tratto imprevisto, meno “gentile” di quel che si può pensare..
Continua a leggere “Blodeuwedd”

Mia madre è un alloro

E mio padre – quindi – il sole.

I ruoli avrebbero potuto invertirsi. Non ho mai saputo chi e perchè rappresenta il maschio e chi la femmina. Per molte culture il sole è di genere femminile, e presso di noi l’alloro è maschile. Sta di fatto che mia madre amava l’alloro, e mio padre, Bel detto anche Belin, genovesi ridete pure poi riflettete, sorgeva ogni mattina.
Quello che chiamiamo Apollo viene dai greci assimilato ad uno stupratore – come tutti i loro dei-, e Dafne ad una ninfa ritrosa, che pur di conservare la verginità chiese di diventare una pianta. Continua a leggere “Mia madre è un alloro”

Sulla canapa industriale

Alcune persone mi hanno scritto in privato per avere delucidazioni sulla canapa, come si può coltivare, cosa farne etc.. Esse (le informazioni) si possono ovviamente trovare in rete, ma essendo state queste persone gentili e avendo io il dono della sintesi rispondo qui ed ora a tutte le domande fattemi.

ATTENZIONE: LEGGERE BENE LE AVVERTENZE A LATO (quelle dove dice che io non sono responsabile di niente).

Continua a leggere “Sulla canapa industriale”

La mamma di Cenerentola era un nocciolo?

E’ la prima volta che passo un post da facebook al blog e non viceversa. Su facebook di solito l’alleggerisco. Invece stavolta praticamente resta uguale perchè è una storiella già lunghettina anche là.

Disegno: che c’entra? A parte che c’entra e per chi lo capisce c’è un premio, ho cercato un disegno che non avessi già messo ma per quanti alberi io abbia disegnato in vita mia non ce n’era uno giusto. Tranne questo.
Ogni tanto anche Cenerentola si sarà fatta un bagno, e se la sua famigliola non le dava l’accesso alla vasca coi piedini cromati – perchè era gente cattiva – restava il fiume. Tra i tanti arbusti vicino al fiume ce n’è uno che può benissimo essere un nocciolo.

Continua a leggere “La mamma di Cenerentola era un nocciolo?”

Più alchimia per tutti

Dato che a volte vi faccio riferimento, anche se chi legge qua magari ne sa già molto più di me, magari anche no ed è giunta l’ora di farne qualche cenno. E a questo punto a chi legge rivolgo una preghiera. Ditemi se si è capito quel che ho scritto o no.

Questo articolo procederà come un’opera alchemica. Al momento siamo nella prima fase dell’opera: la materia viene “travagliata”, cioè lavorata (tagliata, incollata, aggiunta, trasformata… ) per cui allo stato attuale è un po’ un casino.
Continua a leggere “Più alchimia per tutti”

Alberi sacri, introduzione al tema con ricordi d’infanzia

Una cosa proprio leggera, ok?
Prima cosa, quali sono: praticamente possono esserlo tutti.
Perché: vengono su dalla terra, vanno verso il cielo, nutrono sempre qualcuno, apparentemente non hanno bisogno di niente. E ad ogni inverno sembra muoiano, ma sembra solo.

A fianco: Max Ernst, frottage.

Notiamo, lo diceva anche quella vecchia volpe di Mircea Eliade, come a volte una pianta, un albero specialmente, possa rappresentare il cosmo tutto. Oppure una parte qualsiasi, secondo necessità. Ci sono divinità che si presentano in forma d’albero (anche di animale, o qualsiasi altra cosa, se è per quello), di solito per simboleggiare fecondità, opulenza, salute, immortalità, rinascita… in certe leggende la specie umana deriva da qualche specie vegetale o vi ritorna quando è in difficoltà.
In breve tutto quello che “è”,  tutto quanto è vivente e creatore, in stato di continua rigenerazione, è rappresentabile in forma vegetale. La primavera, lo so di tornare sempre a questo ma non me lo sono mica inventata io, è una resurrezione della vita universale e di conseguenza della vita umana.
Continua a leggere “Alberi sacri, introduzione al tema con ricordi d’infanzia”